Il “Greco” è tornato

di Redazione (clicca per altri articoli di The Cloves magazine)

Le Edizioni Il Nido del Gheppio hanno già dato l’annuncio da qualche settimana, il “mezzo” greco che ha fatto infuriare Facebookè pronto a tornare con tanto di “carogna sulla spalla” e non privo di citazioni da cinema e televisione. L’edizione de “La mia metà tedesca”, sequel de “Il Sorriso del Greco” è annunciata per il 27 agosto, data dell’anniversario della “morte mediatica” del personaggio di Sebastian, affascinante protagonista della storia, nata da un esperimento sociale su Facebook, social – network – mente fallita.

«Sebastian torna solo su carta» hanno affermato gli autori Laura L.C. Allori e Sebastian Pedrini, «Rifiuta la tecnologia persino degli ebook!»
Così, avevamo lasciato il bel greco il giorno del matrimonio, leggeremo cos’ha scoperto a Santorini in viaggio di nozze, del suo trasferimento in Germania e del ritrovamento del fratellastro, non senza colpi di scena e la rimozione di qualche sassolino dalle scarpe. Come diceva Edward Bulwer-Lytton«Ne uccide più la penna della spada», il nostro giovane night manager l’avrà spuntata nella battaglia tra vita social true life?
Per chi ancora non lo conoscesse, la prima parte della storia “Il Sorriso del Greco” è disponibile qui.

APPROFONDIMENTO

Nato “come Atena dalla testa di Zeus”, Il Sorriso del Greco è un romanzo sperimentale a quattro mani che racconta in parte la biografia di uno degli autori, dall’altra l’esperimento che questi fa iscrivendosi su Facebook e aprendo una pagina legata ad un personaggio dei cartoni animati. In un continuo andirivieni tra realtà vera e nickname dei social network, i lettori e gli utenti (spesso identificabili nella stessa persona) si scopriranno affascinati da quest’orfano che “ce la fa”, riesce a riprendersi in mano una vita che tutto sembrava dire dovesse sfuggirgli. Sebastian Kouros, questo è il nome del personaggio, è come l’opera lirica, o si ama o si odia, senza mezze misure, come lui, che dice solo di essere diviso tra le due origini tedesca greca, ma si sente terribilmente italiano, perché in Italia ha trovato la vita vera.
Il gioco del romanzo, supportato dagli autori, alcuni amici e dai profili creati addirittura con il supporto di attori professionisti, come ad interpretare i personaggi principali, sta nel tenere il lettore sempre nel dubbio della realtà dei fatti, giocando, in certi casi, con un certo voyerismo mediatico; altre volte cercando di usare i social come trampolino di lancio.

Una partita a tennis che, non riveleremo se sarà vinta dalla finzione o dalla realtà, per non dare anticipazioni.
Nella bibliografia di Laura L.C. Allori, il ciclo di Sebastian si stacca dalla sua tradizionale narrazione. Scrive al passato, a differenza degli altri suoi libri, dalla saga fantasy in sedici libri Per Amore e per’ a Lara LalliGesù non abita più qui e le nuove uscite in programma entro fine anno Nella mia mente e Napoli vs Milan 1:1.