“Caravaggio il vero Matteo” di Sara Magister presentazione il 31 maggio

di Laura Allori (clicca sul nome per l’articolo sul sito originale)

Giovedì 31 maggio all’Institut Français-Centre Saint Louis, Largo Toniolo 22, a Roma incontro in occasione della pubblicazione del libro di Sara Magister (Campisano Editore)

Introduzione: Antonio Paolucci, storico dell’Arte, già Direttore dei Musei Vaticani

Partecipano: Claudio Strinati, storico dell’Arte, Fabio Isman, giornalista e scrittore italiano

Nei Vangeli Matteo è un infame pubblicano, ma Gesù lo chiama. Lui lo segue: sarà apostolo, evangelista, martire. Sedici secoli dopo Caravaggio racconta quella storia nella chiesa di S. Luigi dei Francesi. La sua committenza vuole fedeltà alla dottrina cattolica e al testo evangelico, ma anche capacità di renderlo attuale. La risposta del Merisi è geniale e travolgente: Cristo irrompe nella stamberga di un usuraio del 1600, e lì, tra i trafficanti di denaro, chi è il Matteo che lui chiama? È l’uomo che si volta turbato? O è invece il giovane ancora curvo sui soldi, ma su cui si posa la luce calda della Grazia?

Per Caravaggio il “vero” Matteo va colto nel culmine del dramma interiore, perché è in quella scelta cruciale tra il male e il bene, che ogni uomo, di ogni epoca, può vedere se stesso.

Sara Magister è PhD in antichità classiche e anche in storia dell’arte moderna. Ha pubblicato una monografia per l’Accademia dei Lincei e diversi articoli sul collezionismo rinascimentale e barocco. Ama intrecciare la ricerca filologica con l’alta divulgazione: nell’insegnamento universitario, nel giornalismo di settore, nel turismo culturale.


Per approfondimenti leggere questo articolo.