A discovery of Witches arriva in televisione la trilogia di Deborah Harkness

di T.D.

È approdata al piccolo schermo la trasposizione della trilogia di All Souls di Deborah Harkness, del 14 settembre sulla rete internazionale Sky One.

Noi abbiamo visto in anteprima il pilot e il secondo episodio e devo dire che siamo più che soddisfatti. In effetti, la nostra speranza è che accada, come spesso i fedelissimi della versione stampata lamentano, che sia stravolta un po’ la storia originale, in modo da depurarla da tutte le influenze o licenze poetiche che questa regina del copia e incolla, seconda solo a Cassandra Claire, si è presa nelle sue storie, senza neanche avere la gentilezza di ringraziare le fonti.

Ma cerchiamo di essere seri e professionali, perché anche se potrebbe sembrare un tantino acida, questa recensione non è affatto negativa.

70480_ppl

In primis perché adoriamo Teresa Palmer: l’abbiamo amata come Julie di “Warm Bodies” e da allora non possiamo che adorarla che sia una motociclista fantascientifica in “Sono il numero 4” o una romantica protagonista de “La scelta” o una sexy praticante di sport estremi tatuata nel remake di “Point Break” … Poi, chi non si è innamorato subito di Matthew Goode alzi la mano! Il bel tenebroso vampiro che abbiamo visto in “Downton Abbey” e “The Good Wife” ha lasciato già tutte con la bocca aperta e un rivolino di bava dalla prima frase del promo.

cover-discovery-witches

Quindi, promossi con lode i protagonisti della trasposizione televisiva, nelle parti rispettivamente di Diana Bishop e Matthew Clairmont, promossa la traduzione italiana del libro di Annalisa Crea per le edizioni PIEMME (una buona traduzione, ultimamente, non è così scontata), promossa come linguaggio e stile la Harkness ma bocciata in fantasia.

Restando sul linguaggio: il potere evocativo delle parole è notevole e gli stereotipi di successo di oggi: vampiro – strega – desiderio – assenza – mistero sono ben articolati nella storia che a livello linguistico è scritta perfettamente.

Ma quanto all’originalità, apriti cielo! Tutti hanno capito l’evidente ispirazione a Twilight e i Vampire Diaries, così come a Harry Potter, anche se l’età dei protagonisti è raddoppiata ma il lettore attento del genere non può non essersi accorto che non solo la Harkness ha praticamente invecchiato Edward e Bella rendendola solo una strega per cambiare un po’, ma ha pensato bene di condire il tutto con sfumature di Outlander, La 17° Luna (e seguenti), Riordan e le sue divinità, Per Amore e per Saga e La Trilogia delle Gemme (anche perché diciamocelo: essere meno famosi non vuol mica dire non averlo scritto e pubblicato prima). Ma, spezzando una lancia a suo favore, oltre ad averlo scritto bene, a differenza di Cassandra Claire (la regina delle ricalcone), Deborah Harkness, almeno ci mette del suo variando un po’ sul tema e scrivendo bene.

copertine-ADOW-ita-1024x512

Sul finale del primo libro però, anche la scrittura si fa confusa e il lettore si perde un po’, per questo, speriamo che la versione televisiva metta dei punti fermi nella trama e faccia qualche taglio che risulta noioso anche nel libro, come ad esempio la fissazione con lo Yoga, talmente tanto che la redattrice che ha letto il libro ha raggiunto il Nirvana a metà lettura.

a-discovery-of-witches-unimmagine-promozionale-dalla-serie-maxw-1280

Appuntamento in Italia la prossima primavera, per ora gustiamoci la serie su Sky One in otto episodi, nel frattempo, curiosi e appassionati del genere fantasy – dark – romance – drama  e chi più ne ha ne metta (tradotto: vi piacciono i vampiri fichissimi e sexy) possono leggersi il libro basta che non si tratti di un Ashmole proibito!

IL LIBRO VERSIONE ITALIANA:

  • Editore: Piemme (18 ottobre 2011)
  • Collana: Narrativa
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8856614715
  • ISBN-13: 978-8856614718

SINOSSI: Quando Diane Bishop, una giovane storica studiosa di alchimia, scopre nella Bodleyan Library di Oxford un antico manoscritto che vi era rimasto celato per secoli, non si rende conto di aver compiuto un gesto decisivo per la sua vita. Discendente da una stirpe di streghe, Diane aveva sempre cercato di vivere una vita normale, da cui la magia era rigorosamente bandita. Ma ora sente che il potere del manoscritto è più forte di ogni sua decisione e, nonostante tutti i suoi tentativi, non riesce a metterlo da parte. Diane però non è la sola ad avvertirne con prepotenza l’attrazione. Perché le streghe non sono le uniche creature ultraterrene che vivono a fianco degli umani: ci sono anche demoni, fantasiosi e distruttivi, e vampiri, eternamente giovani; e tutti sono interessati alla scoperta di Diane. Uno in particolare si distingue dagli altri, Matthew Clairmont, un vampiro, professore di genetica appassionato di Darwin. Il cui interesse per il manoscritto viene presto superato da quello per la giovane strega. Insieme intraprendono il viaggio per sviscerare i segreti celati nell’antico libro. Ma l’amore che nasce tra loro, un amore proibito da leggi radicate nel tempo, minaccia di alterare il fragile equilibrio esistente tra le creature e gli umani, scatenando un conflitto che può avere conseguenze fatali.