ABAI , PAQUITA e 9° Sinfonia BEETHOVEN al Teatro Carlo Felice

ABAI      

 Giovedì 8 novembre 2018- ore 20.00.

Abai Kunanbaev (1845-1904) è il poeta nazionale del Kazakistan. Una figura leggendaria per il suo paese: fondò la letteratura kazaka, che prima di lui si limitava a una poesia non scritta, al canto anonimo di un popolo nomade delle steppe tramandato oralmente di generazione in generazione.

L’opera in due atti, del 1944, di cui è protagonista non lo celebra solo come intellettuale, ma come punto di riferimento etico e morale: la storia racconta di Abai che si impegna pubblicamente per superare i conflitti tra clan che ostacolano le nozze tra il suo allievo prediletto, Aidar, con l’amata Ajar. Il libretto è di  Mukhtar Auezov (1897-1961), scrittore kazako per il quale Abai non era solo il poeta preferito, ma anche una guida spirituale. La musica di Latyf Khamidi e Akhmet Zhubanov è ispirata a canzoni folkloriche del Kazakistan, alla musica del popolo, com’è nella tradizione delle opere slave. Con cori vigorosi degni di Musorgskij e canti dalla vena melodica genuina.

Dopo il grande successo ottenuto a New York e Parigi, il Teatro dell’Opera di Astana (capitale del Kazakistan) presenta al Carlo Felice, per la prima volta in Italia, quello che è ritenuto il capolavoro del teatro lirico in lingua kazaka. (sovratitoli in italiano)

BIGLIETTI

In vendita presso la Biglietteria del Teatro Carlo Felice, secondo gli orari e giorni di apertura e nei circuiti on line  HappyticketVivaticket
PREZZI
Intero posto unico € 30
Riservato abbonati  Teatro Carlo Felice € 20
Ridotto under 26  € 16

9^ Sinfonia di Beethoven in re minore op. 125

Sabato 10 novembre – ore 20.00
Direttore Alan Buribayev
Soprano Zhannat
Mezzosoprano Dina Khamzina
Tenore Nurlan Bekmukhambetov
Basso Talgat Mussabayev
Orchestra e Coro Teatro Carlo Felice e Astana Opera
Maestri del Coro Francesco Aliberti e Yerzhan Dautov

PREZZI
Intero posto unico numerato.. € 25
Ridotto under 26……………….. € 10

  PAQUITA     

Domenica 18 novembre ore 15.30 e ore 20.00

Balletto in due atti e tre scene, libretto di Paul Foucher e musica di Édouard Deldevez, debuttò all’Académie Royale de Musique di Parigi il 1 aprile 1846 con le coreografie di Joseph Mazilier. Tutto ciò che riguarda la parte danzata di quello spettacolo d’esordio è andata perduta, ma non le successive versioni che Marius Petipa preparò per San Pietroburgo, destinate a diventare le predilette dalle compagnie di balletto. Petipa sentì la necessità di ampliare le musiche originali e incaricò del lavoro Ludwig Minkus, che diede un contributo di classe e raffinatezza al lavoro artigianale di Deldevez. Nacque così uno dei balletti più spettacolari del repertorio romantico, e anche dei più realistici: la protagonista non è una creatura femminile sovrannaturale, una silfide o una villi, ma una ragazza in carne e ossa, una gitana che si scoprirà essere una nobile rapita da bambina (il che le permetterà, alla fine, di sposare l’ufficiale francese Lucien).

A danzare Paquita (nella versione di Petipa) al Teatro Carlo Felice, il Balletto del Teatro dell’Opera di Chelyabinsk, città russa alle pendici degli Urali con una lunga e nobile tradizione coreutica classica.

BIGLIETTI

In vendita presso la Biglietteria del Teatro Carlo Felice, secondo gli orari e giorni di apertura e nei circuiti on line  HappyticketVivaticket

€ 30 intero
€ 20 riservato abbonati del Teatro Carlo Felice, Abbonati Teatro Camogli e Teatro Civico La Spezia
€ 16 under 26 e Scuole di Danza

Orario Biglietteria

dal martedì al venerdì dalle ore 11.00 alle 18.00

il sabato dalle 11.00 alle 16.00

con spettacoli serali anche 1 ora prima dell’inizio fino a 15 min dopo l’inizio dello spettacolo

Festivi con spettacolo pomeridiano (ore 15:30): dalle 13.30 fino a 15 min. dopo l’inizio dello spettacolo

Festivi con spettacolo serale (ore 20:30): dalle 18.00 fino a 15 min. dopo l’inizio dello spettacolo.

Acquisto telefonico con Carta di Credito tramite operatore del Teatro (senza costi aggiunti)

010/570.16.50 dal martedì al venerdì dalle 14.00 alle 17.00