– spoiler- PER AMORE E PER ODINO

Scopriamo qualcosa sul terzo capitolo della saga di PER AMORE E PER:

PER AMORE E PER ODINO – LA VIRTÙ’ DI TEMPERANTIA

per acquistare: https://www.amazon.it/dp/1549517147

______________________SPOILER______________________________________

Sagaxax003.jpg

Nel terzo libro, dopo aver sconfitto Agas che teneva soggiogato Javier negli affetti, dopo una spasmodica battaglia alla ricerca di dodici sigilli per sbloccare la teca dove era custodita la spada del martirio di san Paolo, i ragazzi riprendono per quasi un anno una vita normale, si prepara il matrimonio tra Javier ed Esmeralda, con tutti i dubbi del “se sia proprio il caso”; Stella scopre di aspettare un figlio da Christopher, vorrebbe dirlo al ragazzo durante l’addio al celibato di Javier ma lui viene rapito da un vichingo di Ángelsgarðr venuto a dichiarare guerra proprio a Stella da parte della cugina Ela regina in carica, plagiata da Agas durante una preghiera rituale del mercoledì presso l’altare di san Wotan, un monaco che, nell’Alto Medioevo, ha detto di aver avuto lì visione di Cristo e l’ordine di pregarlo ogni mercoledì, giorno sacro ad Odino, tanto che tra il nome del santo e il giorno designato tra gli appellativi di Gesù, a Ángelsgarðr arrivano a chiamarlo “Odino”.

Quella terra ha una legge regale molto strana, i sovrani in carica non devono consumare il matrimonio, invece, la coppia fertile che dà eredi al regno è quella della sorella o il fratello della regina che è obbligata ad avere almeno due figli, uno per essere erede al trono vergine e l’altro per dare prosecuzione al casato. Ángelsgarðr è divisa in casati come nella mitologia norrena e ognuno di essi protegge una sottovirtù di Temperantia di cui la regina è espressione.

Hildegard e Bronj, i genitori di Stella e sovrani fino al 1970, contravvengono alla legge sulla castità e non solo consumano il matrimonio ma hanno anche due figli. Sven, il primogenito, è stato fatto facilmente credere figlio della sorella di Hildegard; la principessa “fertile”, anche se pure questa coppia ha una figlia anni dopo, Ela.

Ma la concomitanza delle gravidanze delle due sorelle, rispettivamente per Stella e Frida fa scoprire l’inganno e condannare all’esilio Hildegard e Bronj. A lui viene anche tolta la memoria e finisce in Siberia dove già si trova il figlio Sven che lo affiancherà fino alla morte. Hildegard e alcuni suoi fedeli finiscono con Stella a Rapa Nui dove poi, con gli anni, la sua vita si intreccerà con quella dei maltesi.

Astrid e Werner sono esiliati anch’essi, la donna non sopravvive al dolore per la perdita sia delle figlie, cresciute a corte, che dell’amata sorella; Werner, invece passa vent’anni a cercare di avere giustizia. Ci prova anche facendo sposare Ossian (il promesso re vergine) con Eos, la ragazza venezuelana che è la sua ballerina a Rapa Nui di cui è innamorato corrisposto; e poi sconfiggendo Agas in nuove vestigia vichinghe ma a prezzo della sua morte. Nel frattempo, Stella e gli altri hanno subito un incantesimo, una musica proveniente da un organo incantato nella terra degli angli ha privato alcuni della memoria degli affetti e delle proprie arti. Ma Madleine e Javier, nonostante lei sia muta perché privata del canto, rammentano il loro amore e sarà proprio quello a spezzare il sortilegio e ad aiutare i colleghi impegnati contro vichinghi e valchirie.

Ma per liberare Ela ci vuole il leggendario Mjöllnir, che in questo caso è un martello teutonico benedetto da san Wotan, maneggiato da tre guerrieri di diversa specie, ed è così che si rivela chi ha sempre protetto Ossian in questa storia e lo ha aiutato a fare il doppio gioco: Akim. Il suo ritorno sorprende tutti, soprattutto l’amato amico Christopher e Amber. Ma il tritone angelico non può stare a Ángelsgarðr e dopo aver aiutato gli amici a prendere il martello per liberare Ela, fugge lasciando la sua donna nella disperazione e nel dubbio. Con la morte eroica di Werner, Agas rimane indebolito ma non è sconfitto, Hildegard, tornata nella sua terra per pregare alla roccia al posto di Ela, designa la nipote regina di quella terra mentre Stella deve accettare che chi incarna la virtù di Temperantia sia lei. Il terzo libro si conclude con la decisione del gruppo di restare a Ángelsgarðr per restaurarla da vent’anni di freddo del cuore e del clima e di rimandare il matrimonio tra Javier ed Esmeralda.

per acquistare clicca qui

photostudio_1527676787876

WhatsApp Image 2018-11-27 at 08.57.27.jpeg

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...