L’isola dei sogni

Di R.Agostini

Si potrebbe fare un viaggio all’interno dell’opera stessa composta dai “liberamente tratto”, andando a ritroso con il film del 2016 La stoffa dei sogni diretto da Gianfranco Cabiddu, passando per il teatro, dalla pièce L’arte della commedia di Eduardo De Filippo fino ad arrivare a Shakespeare e alla sua Tempesta citata nell’opera perché deve essere messa in scena dai personaggi della storia.

«L’isola dei sogni» degli Scatenati è tutto questo e molto di più, perché in scena a tra i carcerati, ci sono i detenuti della casa circondariale di Marassi.

Un’opera nell’opera dunque, all’interno di un progetto noto perché usato spesso nelle finzioni, ma difficilmente visto nella realtà di un vero palcoscenico, anche se, parlando di teatro, pare di parlare per assurdo.

Attori che interpretano attori, detenuti che interpretano detenuti, detenuti attori e attori detenuti. Tutto in un progetto che vede proseguirà poi al Teatro Duse con il “Figlio della Tempesta”.

Ma questa storia coinvolgente fa domandarsi quale vicenda allora si celi dietro la pièce recitata al Teatro della Corte, la curiosità dello spettatore va al di là della mera performance per calarsi in qualcosa di più, quella marcia quasi perfetta che ha questo spettacolo, con il sempre bravo Igor Chierici, accanto a Cristina Pasino, Giulia ZerbinoElisa Di Gennaro e soprattutto i detenuti della Casa Circondariale di Genova Marassi.

Teatro-Necessario-4-Lisola-dei-sogni

Per la sapiente regia di Sandro Baldacci, ormai da tempo uno dei maestri del “teatro sociale e terapeutico”, laddove integra handicap e diversità sociali, «L’isola dei sogni» è una performance piacevole, coinvolgente e degna di lode, che cattura lo spettatore da tanti punti di vista.

Orari spettacolo:  martedì 09 aprile 20:30

mercoledì 10 aprile 20:30

giovedì 11 aprile 19:30

venerdì 12 aprile 20:30

sabato 13 aprile 20:30

domenica 14 aprile 16:00

Spettacolo all’interno della rassegna Voci dall’Arca, sostenuta dal Bando Performing Arts 2018 della Compagnia di San Paolo.

fuori abbonamento
prezzi: intero 15 euro, gruppi scuole 7 euro, ridotto 13 euro (abbonati Teatro Nazionale di Genova, Soci Teatro Necessario), gruppi e giovani 10 euro, familiari detenuti 2 euro (solo su segnalazione dell’Associazione Teatro Necessario). Chi acquista contestualmente a Il figlio della tempesta può avere il biglietto a 13 euro per ciascun spettacolo.