LUNEDI 28 OTTOBRE (ORE 18) AL DUSE NUOVO APPUNTAMENTO CON “IL TEATRO E I RUOLI DEL POTERE”

Lunedì 28 ottobre alle 18 al Teatro Duse, secondo appuntamento con gli incontri a ingresso libero, curati da Angelo Pastore e Marco Salotti e dedicati a “Il Teatro e i ruoli del potere”. Fin dalle origini del mondo, il ruolo che il potere gioca nelle vicende umane è vivamente connesso alla storia del teatro e dello spettacolo. Dall’Orestea a Seneca, dal teatro shakespeariano a Schiller fino alla scena moderna. Dopo aver analizzato i personaggi di grandi classici come Ajace, Clitemnestra, Oreste, tutti strettamente connessi con le dinamiche del potere, questo secondo incontro intitolato La tavola e il potere ha come protagonisti il giornalista e scrittore Gian Antonio Stella, autore di bestseller come La casta (2007) e il cantautore veneto Gualtiero Bertelli (chitarra e fisarmonica) e analizza il potere attraverso un’insolita lente rivelatrice: il rapporto fra i potenti e il cibo.

Più cibo hai e offri, più potente dimostri di essere: parafrasando i latini, sostenitori del “in vino veritas”, oggi potremmo dire che “in cibo identitas”. Ecco allora che lo stretto vincolo che lega il potere al cibo, viene discusso dai due relatori in un’indagine dal piglio giornalistico, arricchita da aneddoti e tanta musica live.

Le letture sono affidate a Mercedes Martini, docente della Scuola di Recitazione del Teatro Nazionale di Genova.

L’incontro è a ingresso libero.

Si ringrazia SLAM per il sostegno.

Info teatronazionalegenova.it

Ecco i prossimi appuntamenti de “Il Teatro e i ruoli del potere”:

11 novembre, Teatro DuseLA CENSURA SUL TEATRO

con Walter Lapini e Margherita Rubino

18 novembre, Teatro DuseAMLETO E DINTORNI

con Giulio Giorello e Simone Regazzoni  

25 novembre, Foyer del Teatro della Corte DON CARLOS, SCHILLER E VERDI

con Guido Paduano e Enrico Girardi

 2 dicembre, Teatro DuseDERIDERE IL POTERE

con Nuccio Ordine e Enzo Roppo          

Il ciclo “Il teatro e i ruoli del potere” è un’attività formativa in collaborazione con l’Ufficio scolastico regionale della Liguria. Al termine del ciclo, se richiesto, verrà rilasciato a docenti e studenti l’attestato di frequenza.